PORTA FIDEI - la Porta della Fede. Cattedrale Metropolitana di San Pietro - Bologna
PORTA FIDEI – la Porta della Fede.
Cattedrale Metropolitana di San Pietro – Bologna

Porta Fidei, priva di ante poiché “sempre aperta per noi”, è formata da una struttura architrava, che ne costituisce il portale, sormontata all’attico dal gruppo della Trinità, cui è unita Colei che è “beata” poiché ha creduto.

Alla base sono le immagini allegoriche di Fede-Speranza e Fede-Carità; nelle sovrastanti zone a cartiglio l’Annunciazione ed il Battesimo di Gesù; sopra di queste il Crocifisso deposto ed il Crocifisso Risorto.

A sigillo lo stemma del Papa Benedetto XVI a cui sono stati accostati successivamente gli elementi propri di quello del Papa Francesco, custoditi dall’emblematica immagine del “poverello d’Assisi”.

*******************************************************************************************************************************************************

La “porta della fede” (cfr At 14,27) che introduce alla vita di comunione con Dio e permette l’ingresso nella sua Chiesa è sempre aperta per noi. E’ possibile oltrepassare quella soglia quando la Parola di Dio viene annunciata e il cuore si lascia plasmare dalla grazia che trasforma. Attraversare quella porta comporta immettersi in un cammino che dura tutta la vita. Esso inizia con il Battesimo (cfr Rm 6, 4), mediante il quale possiamo chiamare Dio con il nome di Padre, e si conclude con il passaggio attraverso la morte alla vita eterna, frutto della risurrezione del Signore Gesù che, con il dono dello Spirito Santo, ha voluto coinvolgere nella sua stessa gloria quanti credono in Lui (cfr Gv 17,22). Professare la fede nella Trinità – Padre, Figlio e Spirito Santo – equivale a credere in un solo Dio che è Amore (cfr 1Gv 4,8): il Padre, che nella pienezza del tempo ha inviato suo Figlio per la nostra salvezza; Gesù Cristo, che nel mistero della sua morte e risurrezione ha redento il mondo; lo Spirito Santo, che conduce la Chiesa attraverso i secoli nell’attesa del ritorno glorioso del Signore.

********************************************************************************************************************************************************

TRE VOLTE FRANCESCO: FEDE, SPERANZA, CARITA’

 

L’Anno della Fede, che il Sommo Pontefice Benedetto XVI ha decretato con la Lettera Apostolica in forma di “motu proprio” dall’11 ottobre 2012 al 24 novembre 2013, si è sovrapposto all’Anno Costantiniano, celebrativo del 1700° della Battaglia di Ponte Milvio e dell’editto di Tolleranza.

Appuntamenti importanti, cui ho inteso corrispondere, nell’ambito della mia attività professionale, con due imprese già annunciate dalle immagini negli Annali 2012 della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Lettere dei Virtuosi al Pantheon, della quale sono divenuto Corrispondente: l’opera Porta Fidei, in terracotta e legno, collocata nella Cattedrale Metropolitana di San Pietro in Bologna nell’occasione dell’apertura dell’Anno della Fede e la ricostruzione fisiognomica nel bronzo dell’Imperatore Costantino e della madre Elena, sculture destinate alla romana Basilica di Santa Croce in Gerusalemme.

Poi si è snodata l’inimmaginabile successione degli eventi che hanno arricchito e “completato” tale tempo già storico; eventi straordinari che sono andati a modificare ma anche a “perfezionare” progetti e programmi: due Vescovi di Roma, due Papi in Vaticano: l’avvento di Francesco.

Le Virtù Teologali, che campeggiano in Porta Fidei, sono così divenute saldo riferimento di tre opere che, attraverso l’immagine del “poverello di Assisi”, portano a Cristo.

Per tali motivi la scultura dedicata all’Anno della Fede, appunto Porta Fidei, già considerata completa e definita sin dal suo apparire, solennemente benedetta dall’Arcivescovo Cardinale Caffarra l’11 ottobre 2012, rivelatasi così improvvisamente “incompleta”, è stata successivamente (5 Ottobre 2013) perfezionata dalla nuova presenza dovuta alla figura in bronzo di San Francesco (patrono d’Italia e compatrono della città di Bologna), posta seduta sulla soglia della porta “priva di ante poiché sempre aperta per noi”; un’immagine a dir poco “controcorrente”, ulteriore sigillo accanto a quello già presente di Papa Benedetto XVI. L’emblematica figura del Santo è corredata dagli elementi dello stemma araldico del nuovo Papa: il monogramma IHS, la stella di Maria, la foglia di nardo che la tradizione sudamericana attribuisce all’iconografia di San Giuseppe ed alla base il motto “miserando atque eligendo” (1).
E’ questo, che invita a valicare Porta Fidei, “ il Francesco della testimonianza”, della Fede.

“Francesco della letizia”, quello della Speranza, è apparso invece in un’altra opera inaugurata nello stesso mese di ottobre; inserito infatti, in bassorilievo, nella lunetta a sfondo della Natività di Palazzo Caprara-Montpensier – sede della Prefettura di Bologna – una nobile e pregiata dimora ove, nella grande composizione fittile voluta dal Prefetto Angelo Tranfaglia, il Santo viene effigiato per essere stato l’iniziatore della tradizione etica, estetica e poetica della scena presepiale, in altre parole “artista autentico” oltre che grande Santo.

Quello della Carità, “Francesco della Passione”, è inserito nel XII altorilievo della Via Crucis all’Altomare, Santuario mariano ad Andria; così raffigurato nella fusione in bronzo della Crocifissione, parte del vasto complesso plastico realizzato proprio al compimento dell’Anno della Fede. Come incastonato nella scena, totalmente immedesimato in Colui del quale porta le stimmate, Francesco è totalmente partecipe all’evento; pur non essendone contemplato nell’unità di tempo, posto in logica connessione con il Crocifisso, viene assunto in quella dello spazio superando ogni barriera cronologica.

Tre opere coeve, destinate a luoghi e ruoli diversi: una Cattedrale, una regale Dimora, un Santuario rupestre, a sottolineare e confermare il valore e l’universalità del Messaggio: appunto tre volte Francesco nell’Anno del Signore 2013.

Luigi E. Mattei, scultore

 

 

(1) Il motto del Santo Padre Francesco è tratto dalle Omelie di San Beda il Venerabile, sacerdote (Om. 21; CCL 122, 149-151), il quale, commentando l’episodio evangelico della vocazione di San Matteo, scrive: “Vidit ergo lesus publicanum et quia miserando atque eligendo vidit, ait illi Sequere me” (Vide Gesù un pubblicano e siccome lo guardò con sentimento di amore e lo scelse, gli disse: Seguimi)

*******************************************************************************************************************************************************

*******************************************************************************************************************************************************

*******************************************************************************************************************************************************

PORTA FIDEI
Date

giugno 5, 2015

Category

Mattei

Write a comment:

*

Your email address will not be published.